Bologna dal campanile di San Pietro

Fotografie di Bologna scattate la sera del 17 novembre 2012 scendendo dalla cima del Campanile di San Pietro. Il campanile iniziato nel 1184 e concluso nel 1426 è alto 70 metri. Nella cella campanaria abbiamo assistito ad una rara “scappata” a quattro campane, suonata dai 23 campanari necessari per l’esecuzione con la tecnica del “doppio” bolognese. Impressionante il movimento delle enormi e pesantissime campane (la più grande detta “la nonna” pesa più di 3 tonnellate); altrettanto impressionante (considerato anche l’ancora fresco ricordo del terremoto in Emilia di pochi mesi prima) l’oscillazione della antica torre sotto lo sforzo prodotto delle campane. Dalle finestra in cima e scendendo verso l’ingresso di via Altabella si possono godere bellissimi scorci del centro storico, dei tetti e delle luci di Bologna nella crepuscolo autunnale.

Nikon D300 con AF-S DX VR Zoom-Nikkor 18-55mm f/3.5-5.6G. 

Dentro il Campanile

Scatti ripresi il 17 novembre 2012 all’interno del campanile di San Pietro a Bologna durante una visita guidata da una guida assai speciale: Onorina Pirazzoli, accompagnata dal suo fedele “minino da compagnia” immaginario: Susizza, l’unico con cui fa dei bei simitoni. Entrando da via Altabella, siamo saliti fino alla cella campanaria.

Nikon D300 con AF-S DX VR Zoom-Nikkor 18-55mm f/3.5-5.6G. 

Donne che ho incontrato

… tante sono le cose che si possono dire od obbiettare a proposito delle donne … ma a me piace rendere loro omaggio … riconoscere il loro valore nel rispetto … nell’amicizia … nell’amore … nella vita … cerco di farlo tutti i giorni … non ci riesco sempre … mi piace approfittare di questo spazio per farlo pubblicamente … a modo mio … con queste immagini … di donne che ho incontrato … sempre con un pensiero alle 4 donne più importanti della mia vita … Manuela, Sofia, Annamaria ed Elvira … e non in ordine di importanza … non è possibile fare gerarchie …

Il mestiere di muratore

il mestiere di muratore
il mestiere di muratore

I ferri del mestiere … poche cose per fare grandi cose … il racconto di un mestiere

Licenza Creative Commons
“Il mestiere di muratore” by Stefano C. Manservisi is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http:\\www.stefanomanservisi.it.

Oltre la pietra

San Galgano, originally uploaded by s:c:m:photo.

San Galgano
Archi gotici e capitelli: oltre la pietra … l’anima dell’architettura …

 
Licenza Creative Commons
Oltre la pietra by Stefano C. Manservisi is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http:\\www.stefanomanservisi.it.

Arcangelo dorato a sinistra

Arcangelo dorato a sinistra, originally uploaded by s:c:m:photo.

Le trombe del giudizio universale … ma cosa ancora deve succedere perché in Italia la gente cominci ad aprire gli occhi e a partecipare alla politica? Possibile davvero che tutto questo casino vada bene alla maggioranza degli italiani ? Va bene che l’età media in Italia sta aumentando nonostante i figli degli immigrati … ma possibile che tutti con l’età si debba diventare dei vecchi porci ? Non può essere, non ci credo … ! Comunque di questi tempi doversi occupare della educazione di una figlia bambina è cosa difficile … e gli esempi che ci si propongono da autorevoli persone … (elette e volute da buoni cittadini) … non aiutano …

PASSAGGI

passaggi, originally uploaded by s:c:m:photo.

PASSAGGI è il titolo del Calendario che ho realizzato come tutti gli anni per la Badia di Santa Maria in Strada.
Per me è un piacere poter dare un senso ad una mia passione, quella per la fotografia, che in questo modo spero possa essere utile per sostenere le attività della parrocchia.
Sempre più infatti, grazie alla coinvolgente energia del parroco, è diventata, nonostante la scarsità delle risorse disponibili, un importante motore culturale e sostegno alle diverse iniziative di cooperazione e volontariato che attorno ad essa gravitano.
Ringrazio ancora Don Giulio per l’occasione che mi ha dato di “aiutare chi aiuta” come lui stesso ama dire con efficace sintesi, nel riferirsi alla rete di “amicizie” solidali che la parrocchia sostiene (dalla vendita dei prodotti del mercato equo e solidale, a quelli di “libera” alle mille attività in favore delle varie associazioni di volontariato che operano localmente o a livello internazionale, dalla associazione Don Paolino Serra Zanetti a Solidarietà e Cooperazione Senza Frontiere, solo per citarne due a me più vicine e altrettante iniziative in favore dei bambini di strada in Brasile e di altri Fratelli e Sorelle missionari)
Ringrazio anche Patrizia Vannini che ha prestato le sue poesie per il calendario e la Tipografia Piccinini che lo ha reso possibile.