stenofotografia

29 10 2013

Più correttamente “stenoscopia” oppure fotografia a foro stenopeico, in inglese pinhole camera

E’ un pensiero che mi gira in testa da tempo … tempo appunto … luce e tempo

Solo luce e tempo, la fotografia più semplice e diretta.

Un amico (Piero) mi ha riportato alla attenzione un vecchio progetto/gioco: costruire una macchina fotografica a foro stenopeico con mia figlia prima che diventi grande.

Per ora ho ripreso solo a documentarmi e come prevedibile, in internet si trova moltissimo materiale, a cominciare da wikipedia per proseguire ai tanti contributi più o meno artigianali o commerciali.

Per adesso mi limito a segnalarvi l’interessante e stimolante lavoro artistico di Francesco Capponi che partendo dal concetto di luce e tempo ha realizzato “oggetti stenopeici” che mi riportano nel mondo di Alice nel paese delle meraviglie.

Mi spiego: Probabilmente sono stato suggestionato dalla sua “abracadabra pinhole camera“, una fotocamera a foro stenopeico ricavata all’interno di un cappello a cilindro ed illustrata in questo modo, ” … Utilizzata per ritrarre conigli ha il potere di farli “apparire” nel cappello.” Secondo me le opere di Francesco Capponi stanno alla fotografia come Alice nel paese delle meraviglie sta alla letteratura.

So che non ho alcuna autorità per una affermazione del genere ma nelle sue opere ( dal “Pinholo Stenopeico” a tree, l’ulivo stenopeico) mi hanno veramente divertito e (sperando che l’autore non me ne voglia) cercherò di riprodurle assieme a mi figlia, alla quale ho regalato una macchina fotografica digitale con la quale si diverte e scatta immagini che hanno la freschezza divertita che solo gli scatti di una bambina di otto anni possono avere; ma quando le racconto delle notti passate nella “magia” della mia camera oscura, ricavata nel cucinotto del nostro vecchio studio, vedo restare perplessa e capisco che qualcosa le manca: La magia della luce e del tempo.

Magia che nell’era della fotografia digitale, viene avvilita dalla razionalismo delle sovrastrutture tecnologiche (ancorché sempre più miniaturizzate e sofisticate fin quasi ad apparire magiche) e solo di rado i certi fortunati “scatti magici” (appunto) riemerge in tutto il suo fascino.

s:c:m